Siamo fatti così: la fascia

La classica visione della medicina allopatica in cui il corpo viene studiato per parti, ossa, muscoli, legamenti, organi… risulta ormai obsoleto. Così come l’idea che a mantenerci in piedi siano le nostre ossa e i nostri muscoli.

Da questo modello di studio del sistema biologico si basa il modello di valutazione della persona, che risulta ultra-specialistico dimenticandone l’interezza. In questa modalità il sintomo viene indagato prendendo in considerazione solo la regione corporea in cui si manifesta, trattando la persona come se fosse un insieme di parti scomponibili.

Il nostro corpo, invece, è un organismo di relazione, dove gli organi, i muscoli, il cervello, nello specifico dal nucleo cellulare alla pelle tutto è collegato grazie a un tessuto che crea una rete interna: la fascia…

Continua la lettura dell’articolo nella rivista digitale Panacea

L’articolo completo è consultabile in modo totalmente gratuito all’interno di “Panacea”, la rivista ufficiale della Società Italiana di Scienze Bio-naturali (SISBio.it).

Naima Valentina Vavassori

Dall’incontro prima con l’osteopatia, poi con lo yoga e in seguito con la tradizione sciamanica brasiliana, negli anni unisco queste tre filosofie all’interno della mia vita e della pratica lavorativa. Il piacere del tocco con l’autotrattamento, la fluidità del movimento e i rituali di cura offerti dalla medicina naturale sono i tre elementi su cui si basa l’approccio, che ho chiamato Con-tatto, volto al benessere, cioè all’esistere bene riscoprendo il corpo attraverso le mani, il movimento e le erbe nonché l’amore e l’armonia che deriva dal prendersi cura di esso.